Libro

Sto seriamente pensando di pubblicare, per conto mia sia chiaro, i miei lavori fatti con le parole e non di suoni.
Un modo per togliere tutti quei fogli che man mano si sono accatastati nei vari cassetti, scaffali, scatole e riordinarli in maniera più adeguata in un contenitore a me caro: il libro.
Niente pretese, solamente una giusta e dignitosa collocazione. Se lo meritano.
D’altra parte, dietro a tutte quelle frasi che mi sono venute incontro, c’è stato tanto umile lavoro e fatica di accoglierle e riportarle, riflettendo e studiando, sulla tastiera del mac.
Vedremo.

32170